Skip to content

Tecnologie di blocco schermo per smartphone

Gli smartphone contengono molte informazioni sensibili personali e legate al lavoro. Pertanto, è importante proteggerli e impedire che cadano nelle mani sbagliate. Per evitare che estranei sblocchino il tuo telefono cellulare, è essenziale adottare tecnologie di blocco schermo. Vediamo quali tipi di blocco schermo puoi trovare sul mercato e verifichiamo quali sono sicuri:

Blocco con PIN o password

Questo tipo di blocco è affidabile. Tuttavia, perde efficacia quando l’attaccante riesce a vedere lo schermo del dispositivo, utilizzando telecamere nascoste o spiando mentre sblocchi il telefono.

Blocco con schema (disponibile solo per Android)

La modalità di blocco con schema richiede di collegare alcuni punti sullo schermo per disegnare un segno precedentemente impostato. Come il blocco con PIN o password, è sicuro fintanto che l’attaccante non possa vedere il modello di sblocco. Tuttavia la modalità di blocco con schema ha alcune funzioni di sicurezza aggiuntive. Puoi attivare il “modello invisibile”, che consente di collegare non solo i punti, rendendolo più difficile da comprendere per uno sconosciuto.

Blocco con riconoscimento facciale

La tecnologia di riconoscimento facciale, integrata nei moderni sistemi di blocco, rappresenta un significativo passo avanti nel campo della sicurezza dei dispositivi. Combinandosi con i metodi di autenticazione esistenti, come PIN, password o schemi, offre agli utenti un mezzo senza soluzione di continuità per sbloccare i loro dispositivi. Il processo è semplice: alzi il tuo smartphone al livello del viso, e il dispositivo si accende. Non è più necessario inserire tediosamente complesse password o memorizzare lunghi PIN; la tecnologia scansiona le tue uniche caratteristiche facciali per concedere l’accesso. Alcuni sistemi utilizzano avanzate tecnologie di rilevamento tridimensionale, rendendoli eccezionalmente sicuri. Possono distinguere tra un volto in vita e un’immagine statica, sventando così possibili tentativi di impersonazione.

Blocco con impronta digitale

Come il blocco con riconoscimento facciale, il blocco con impronta digitale è attivato in concomitanza con un PIN, una password o uno schema e ti consente di sbloccare il dispositivo senza il rischio di essere spiato. Tutto ciò di cui hai bisogno è posizionare il tuo dito sul sensore appropriato. Sebbene non sia infallibile, il blocco con impronta digitale non ha problemi come il blocco con riconoscimento facciale, il che lo rende più sicuro del precedente.

Sommario

  • Attiva sempre il blocco schermo. Il blocco con PIN, password e schema rimangono i più sicuri al momento, ma assicurati che nessuno possa vederli mentre sblocchi il telefono.
  • Se hai bisogno di uno sblocco schermo più veloce o trascorri molto tempo in luoghi affollati, puoi pensare di attivare il blocco con impronta digitale o il riconoscimento facciale (basato solo sulla tecnologia 3D).
  • In caso di perdita o furto del dispositivo, puoi bloccare o eliminare tutti i dati dal dispositivo in remoto tramite “Trova il mio iPhone” per i dispositivi Apple o“Gestisci dispositivi Android” per Android.

Scopri come aumentare il livello di consapevolezza sulla sicurezza informatica tra i dipendenti con la security Awareness.

Related post

HackInBo 2024_HWG Sababa

Sabato 8 giugno, in occasione dell’evento HackInBo 2024, si sono riuniti a Bologna esperti di sicurezza informatica nazionali ed internazionali per confrontarsi sulle ultime tendenze e innovazioni che riguardano il…

cyber resilience nella supply chain

Nel panorama digitale interconnesso di oggi, le organizzazioni dipendono fortemente da reti di fornitori e partner per mantenere le operazioni e favorire l'innovazione. Tuttavia, senza un'adeguata attenzione alla resilienza della…

3 minuti
affiliazione a cyber 4.0

HWG Sababa, player internazionale nel campo della cybersecurity, annuncia la sua affiliazione con l’Associazione Cyber 4.0, uno degli otto Centri di Competenza ad alta specializzazione per lo sviluppo dell’industria 4.0, istituiti…

Torna su